I mirtilli possono aiutare a tenere lontana la demenza

I mirtilli possono aiutare a tenere lontana la demenza. Secondo un nuovo studio, gli anziani sani che mangiano regolarmente i mirtilli rossi possono vedere una memoria e una funzione cerebrale migliori, oltre a ridurre il colesterolo allo stesso tempo.

Lo studio, pubblicato la scorsa settimana sulla rivista Frontiers in Nutrition, ha rilevato che le persone di età compresa tra 50 e 80 anni che hanno mangiato l’equivalente di una tazza di mirtilli freschi al giorno per 12 settimane hanno visto un miglioramento significativo nella memoria degli eventi quotidiani.

Allo stesso tempo, le persone nello studio hanno visto un maggiore flusso di ossigeno e glucosio verso parti importanti del cervello che supportano la memoria.

I risultati sono “molto incoraggianti”, afferma il ricercatore capo David Vauzour, soprattutto perché l'”intervento” del mirtillo rosso è durato solo 12 settimane e tuttavia è stato in grado di generare miglioramenti significativi sia nella memoria che nella funzione cerebrale.

Ma avverte che lo studio includeva solo persone anziane sane. Quindi non è noto se l’effetto di potenziamento della memoria dei mirtilli si tradurrà negli adulti che hanno già problemi di memoria.

I mirtilli sono ricchi di micronutrienti che hanno proprietà antiossidanti

I mirtilli sono ricchi di micronutrienti che hanno proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, in particolare antociani e proantocianidine, che conferiscono alle bacche il loro colore rosso e si è scoperto che migliorano le capacità di pensiero.

Possono essere consumati essiccati o inseriti in alimenti come frullati.

Ma una parola di cautela: ricerche precedenti hanno scoperto che bere succo di mirtillo non migliorava le capacità di pensiero. Mentre bere succo di mirtillo rosso può avere benefici per la salute , molti prodotti sono dotati di grandi quantità di zucchero aggiunto. Inoltre sono spesso diluiti con acqua, il che significa che devi bere di più per vedere i benefici delle bacche.

Nello studio attuale, non solo 12 settimane di consumo quotidiano di mirtilli rossi hanno migliorato la memoria e la funzione cerebrale, ma hanno anche abbassato il colesterolo LDL “cattivo” , noto per aggiungersi all’accumulo di placca nelle arterie. Ciò suggerisce che i mirtilli rossi possono migliorare la salute dei vasi sanguigni, compresi quelli nel cervello.

I ricercatori affermano che il loro studio pone le basi per la ricerca futura sui mirtilli rossi e sulla salute del cervello.

Ma Vauzour ha notato che non tutti dovrebbero iniziare a caricare i mirtilli rossi ogni giorno. Inoltre, le persone che assumono anticoagulanti “dovrebbero chiedere consiglio al proprio medico poiché sono state segnalate interazioni”.

La migliore dieta equilibrata

Zhaoping Li, che non è stato coinvolto nello studio, non è sorpreso dai risultati.

È stato dimostrato che gli alimenti ricchi di composti fenolici come bacche e altri frutti migliorano la memoria, in particolare la memoria visiva. Abbiamo condotto uno studio simile con il melograno con risultati simili.

Il messaggio chiave dovrebbe essere mangiare cibi più naturali, come frutta e verdura, per sostituire gli alimenti ultraelaborati migliorerà la nostra salute generale oltre la memoria.

Intervenendo sullo studio, Heather Snyder ha affermato che “l’opportunità di seguire una dieta equilibrata può contribuire a ridurre il rischio di declino cognitivo e demenza “.

Ma ad oggi, non c’è un singolo ingrediente che, attraverso una ricerca rigorosa, sia trovato per prevenire o ridurre il rischio di demenza.

I mirtilli vantano un profilo nutrizionale impressionante

I mirtilli sono un’incredibile fonte di nutrienti. In un piatto di mirtilli c’è:

Calorie: 85

Fibra: 3,6 grammi (13% DV). Le fibre migliorano la salute dell’intestino, abbassano il colesterolo e controllano i livelli di zucchero nel sangue.

Potassio: 116 milligrammi (3% DV). Il potassio regola il battito cardiaco, metabolizza i carboidrati e mantiene la corretta funzione muscolare.

Vitamina K: 29 microgrammi (24% DV). La vitamina K crea le proteine ​​necessarie per la coagulazione del sangue.

Vitamina C: 4,6 milligrammi (5% DV). La vitamina C è un antiossidante che aiuta il tuo corpo ad assorbire il ferro

Folato: 9 microgrammi (2% DV). Il folato forma i globuli rossi, che aiutano il corpo a ricevere ossigeno e rilasciare anidride carbonica.

Pubblicato da Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato. Info paolotescione5@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.