Segni di insufficienza cardiaca nei cani: come trattarla

L’insufficienza cardiaca nei cani non è una malattia o una diagnosi specifica. È una sindrome in cui una grave disfunzione provoca l’incapacità del sistema cardiovascolare di mantenere un’adeguata circolazione sanguigna. Esistono meccanismi limitati e specifici attraverso i quali le malattie cardiache possono provocare il fallimento del sistema cardiovascolare. Pertanto, ci sono segni limitati e specifici che possono svilupparsi a seguito di insufficienza cardiaca.

L’insufficienza cardiaca può essere suddivisa in 4 classificazioni funzionali: insufficienza miocardica sistolica, impedenza all’afflusso cardiaco, sovraccarico di pressione e sovraccarico di volume.

L’insufficienza miocardica sistolica è una riduzione generale della capacità del muscolo cardiaco di contrarsi. Questo può essere identificato con l’ecocardiografia (ultrasonografia). Il movimento della parete è ridotto durante la contrazione dei ventricoli. Se la riduzione è significativa, non è possibile mantenere il normale flusso sanguigno. Può essere causato da fattori genetici, traumi, infezioni, farmaci o veleni, scosse elettriche, colpi di calore o tumori. Alcuni casi non hanno una causa nota.

L’insufficienza cardiaca derivante dall’impedenza (ostruzione) all’afflusso cardiaco può causare una diminuzione del flusso sanguigno. Ciò può essere causato da compressione esterna del cuore (ad esempio, liquido nella sacca che circonda il cuore), disfunzione diastolica con conseguente ventricolo rigido e riempimento ventricolare ridotto, tumori o anomalie delle strutture fisiche del cuore.

L’insufficienza cardiaca causata dal sovraccarico di pressione si verifica come risultato di un aumento a lungo termine dello stress sulla parete cardiaca durante la contrazione. Ciò può derivare dall’ostruzione del flusso sanguigno dal cuore o dall’aumento della pressione sanguigna in tutto il corpo o nelle arterie dei polmoni.

L’ insufficienza cardiaca da sovraccarico di volume si verifica a causa di qualsiasi malattia che aumenta il volume di sangue nel ventricolo o nei ventricoli, aumentando così il flusso sanguigno. Alla fine, questo può portare a segni di insufficienza cardiaca congestizia. Le malattie che provocano l’insufficienza miocardica da sovraccarico di volume comprendono la valvulopatia (ad esempio, malattia degenerativa delle valvole atrioventricolari), shunt sinistro-destro (ad esempio, dotto arterioso pervio, difetto del setto ventricolare) o stati ad alta gittata (come come quelli causati da ipertiroidismo o anemia).

Segni di insufficienza cardiaca nei cani

I segni associati all’insufficienza cardiaca dipendono dalle cause dell’insufficienza cardiaca e dalla camera cardiaca interessata. Con insufficienza cardiaca congestizia del lato sinistro, i segni sono associati a un backup della pressione nei vasi che forniscono sangue al ventricolo sinistro. Ciò provoca l’accumulo di liquidi all’interno dei polmoni (chiamato edema polmonare). Tosse, difficoltà respiratorie e intolleranza all’esercizio (stanchezza con difficoltà respiratorie associate all’esercizio) sono i segni più comuni. Molti cani con insufficienza cardiaca congestizia del lato sinistro svengono a causa della mancanza di flusso sanguigno e ossigeno al cervello. Possono anche avere una frequenza cardiaca bassa e pressione sanguigna bassa e possono collassare. I cani con insufficienza cardiaca congestizia sul lato sinistro spesso respirano più velocemente dei cani sani. Il tuo veterinario potrebbe indicarti di contare il numero di respiri che il tuo cane fa entro un minuto quando dorme o riposa.

L’insufficienza cardiaca congestizia del lato destro provoca un aumento della pressione nei vasi che forniscono sangue all’atrio destro e alle vene e ai capillari del corpo. Ciò può causare l’accumulo di liquidi nell’addome (ascite), nella cavità toracica, nel fegato e negli arti.

L’insufficienza biventricolare può insorgere quando entrambi i ventricoli destro e sinistro non funzionano correttamente, come nei cani con insufficienza muscolare cardiaca dovuta a cardiomiopatia dilatativa o avvelenamento. Si possono notare segni attribuibili a entrambe le forme di insufficienza cardiaca congestizia, sebbene sia comune che i segni dell’uno prevalgano sull’altro.

Insufficienza cardiaca

È importante trattare l’insufficienza cardiaca per migliorare le prestazioni del muscolo cardiaco, controllare le aritmie e la pressione sanguigna, migliorare il flusso sanguigno e ridurre la quantità di sangue che riempie il cuore prima della contrazione. Tutti questi possono danneggiare ulteriormente il cuore e i vasi sanguigni se non controllati. È inoltre necessario ridurre la quantità di liquido nei polmoni, nell’addome o nella cavità toracica.

Insufficienza cardiaca nei cani: trattamento

Medicine

Ci sono molti tipi di farmaci disponibili per il trattamento dell’insufficienza cardiaca. I farmaci specifici, il dosaggio e la frequenza utilizzati variano a seconda della causa e della gravità dell’insufficienza cardiaca e di altri fattori. Il tuo veterinario è in grado di decidere al meglio i farmaci appropriati per il tuo animale domestico. Tutti i farmaci prescritti da un veterinario devono essere somministrati all’animale come indicato. In caso contrario, potrebbero non essere efficaci e persino causare gravi complicazioni o danni.

I diuretici sono generalmente prescritti per la gestione del sovraccarico di liquidi negli animali. Il pimobendan migliora la contrazione del muscolo cardiaco, dilata i vasi sanguigni, aumenta la gittata cardiaca e riduce la pressione diastolica nei pazienti con insufficienza cardiaca congestizia causata da insufficienza della valvola atrioventricolare o cardiomiopatia dilatativa. La digossina, parte di un gruppo di farmaci noti come inotropi positivi, può essere utilizzata per aiutare la contrazione del muscolo cardiaco nei pazienti con determinate aritmie. Gli ACE-inibitori (ACE sta per enzima di conversione dell’angiotensina) e i vasodilatatori possono allargare i vasi sanguigni e quindi abbassare la pressione sanguigna. I farmaci beta-bloccanti (chiamati anche beta-bloccanti) e i calcio-antagonisti sono utili in alcuni casi di insufficienza cardiaca congestizia.

Nutrizione

Gli obiettivi nutrizionali generali per gli animali con insufficienza cardiaca includono la fornitura di calorie adeguate, la riduzione dell’infiammazione, il bilanciamento del sodio e l’integrazione di eventuali nutrienti mancanti. L’integrazione con acidi grassi omega-3 può aiutare a ridurre l’infiammazione e aiutare a gestire le aritmie.

Alcuni tipi di insufficienza cardiaca sono causati da una carenza di un nutriente e possono essere trattati integrando il nutriente mancante. Tuttavia, questo tipo di insufficienza cardiaca è raro.

Una dieta a basso contenuto di sodio è spesso raccomandata per i cani con grave insufficienza cardiaca congestizia che non rispondono bene al trattamento convenzionale. Nei cani con insufficienza cardiaca congestizia da lieve a moderata, non è necessaria una grave restrizione di sodio, ma dovrebbero essere evitate diete ricche di sale e cibi umani (“spuntini da tavola”). Sono prontamente disponibili diete soggette a prescrizione su misura per questi diversi livelli di restrizione di sodio, così come le ricette per diete fatte in casa a basso contenuto di sale. Al posto delle normali prelibatezze dovrebbero essere somministrati anche snack senza sodio. Il sale non dovrebbe essere limitato nei cani con malattie cardiache che non hanno segni di insufficienza cardiaca congestizia, perché ciò può comportare l’attivazione precoce di alcuni ormoni.

Altri Trattamenti

I cani con grave insufficienza cardiaca congestizia del lato sinistro e liquido nei polmoni (edema polmonare) potrebbero non ricevere abbastanza ossigeno. L’ossigeno può essere somministrato tramite una gabbia di ossigeno, una maschera aderente, un collare di ossigeno o un tubo nasale.

La toracentesi e l’ addominocentesi sono procedure chirurgiche in cui un ago viene inserito nella cavità toracica o nell’addome, rispettivamente, per prelevare il liquido in eccesso. Può essere usato per trattare cani con insufficienza cardiaca congestizia che hanno un accumulo di liquidi in queste aree. La procedura può portare a un rapido miglioramento dei segni e può essere eseguita regolarmente, se necessario.

Il trattamento con broncodilatatori è generalmente riservato ai pazienti con malattia delle vie aeree a lungo termine. In genere non è usato per trattare l’insufficienza cardiaca congestizia. L’eccezione è per i cani che svengono a causa di una breve aritmia cardiaca associata a malattie cardiache.

Leggi anche Agility dog: uno sport per te e il tuo cane

I sedativi della tosse non sono generalmente raccomandati nel trattamento dell’insufficienza cardiaca congestizia, perché i segni di mascheramento della tosse possono peggiorare il fluido sottostante nei polmoni. Se, tuttavia, un cane a cui è stata diagnosticata una grave malattia cardiaca sta tossendo e l’ingrandimento del cuore alle radiografie del torace non mostra liquido nei polmoni, la tosse può essere causata da un’infiammazione a lungo termine delle vie aeree (bronchite cronica). I sedativi della tosse possono essere utili per questi cani.

I trattamenti ansiolitici possono essere usati con cautela per rilassare un cane che ha gravi problemi di respirazione durante una crisi respiratoria causata da insufficienza cardiaca congestizia.

Pubblicato da Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato. Info paolotescione5@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.