Epilessia nei bambini: ecco cosa sapere

L’epilessia nei bambini può iniziare in qualsiasi momento, infatti e più diagnosticata nei bambini e nelle persone di età superiore ai 65 anni. Alcuni bambini con epilessia supereranno le loro convulsioni man mano che maturano, mentre altri possono avere convulsioni che continuano fino all’età adulta. Sebbene l’epilessia vari da persona a persona, molti bambini con epilessia hanno convulsioni che rispondono bene ai farmaci e godono di un’infanzia normale e attiva.

Riconoscere l’epilessia nei bambini

Le convulsioni potrebbero non essere sempre riconosciute nei bambini quando si verificano per la prima volta, a seconda del tipo di convulsioni.

Le persone spesso pensano che le convulsioni siano convulsive, ma alcune convulsioni possono essere sottili e molto brevi, come un “convulsioni in assenza”, in cui il bambino ha brevi episodi di perdita di consapevolezza e reattività.

Inoltre, ci sono molti episodi “non epilettici” che possono imitare le convulsioni e le convulsioni epilettiche spesso non sembrano come le persone si aspettano. Questo a volte può rendere complicata la diagnosi.

Alcuni eventi infantili che possono essere confusi con le convulsioni sono:

  • Svenimento incantesimi
  • Incantesimi che trattengono il respiro
  • Normali cretini di sonno
  • Il sognare a occhi aperti
  • Terrori notturni
  • Emicrania
  • Problemi cardiaci e di stomaco
  • Problemi di salute mentale.
  • Convulsioni febbrili

Le convulsioni febbrili

Le convulsioni febbrili sono convulsioni causate dalla febbre durante i periodi di malattia. Tendono a verificarsi nelle famiglie. Circa 1 bambino su 25 ha una convulsione febbrile in qualche momento, più comunemente tra i 6 mesi e i 6 anni.

Fino a un terzo dei bambini avrà ulteriori convulsioni febbrili con febbri consecutive. Avere convulsioni febbrili non significa che il bambino abbia l’epilessia e il rischio di sviluppare l’epilessia non sia superiore a chiunque altro. C’è un rischio leggermente più elevato di sviluppare epilessia se c’è una storia familiare di epilessia o se il bambino ha una compromissione dello sviluppo neurologico (come la paralisi cerebrale). Oppure il bambino ha una complessa convulsione febbrile.

Una convulsione febbrile complessa è quando la convulsione:

  • Dura più di 15 minuti
  • Può coinvolgere una parte o un lato del corpo
  • Succede più di una volta ogni 24 ore.
  • Capire la diagnosi di epilessia

Se tuo figlio ha avuto un attacco, è molto probabile che tu abbia ricevuto un rinvio per un EEG e un appuntamento con neurologo o pediatra.

Una parte importante della diagnosi di epilessia è una buona descrizione delle convulsioni e dei sintomi che la circondano. A volte un video di un attacco può essere utile.

I test possono spesso tornare normali, ma questo è comune e non significa necessariamente che non sia avvenuto un attacco.

Sindromi da epilessia

Ci sono molti tipi diversi di convulsioni. In generale, le convulsioni sono classificate come “focali” o “generalizzate” (vedi la pagina Epilessia per ulteriori informazioni).

Una sindrome da epilessia può essere diagnosticata quando un gruppo di segni e sintomi si verifica insieme. Ad esempio, quando particolari tipi di convulsioni iniziano a una certa età e sono associati ad altre condizioni o caratteristiche.

Il modello specifico che mostrano sull’EEG (elettroencefalogramma) (un test medico utilizzato per misurare l’attività elettrica del cervello).

Se l’epilessia si adatta a una particolare sindrome, questo può aiutare il medico a selezionare il miglior farmaco per quella sindrome. Può anche aiutare a prevedere se le convulsioni possono essere facilmente controllate, limitate all’infanzia o se la condizione può essere più persistente.

Alcuni dei tipi più comuni o sindromi da epilessia o epilessia durante l’infanzia includono:

Epilessia da assenza infantile (CAE) – queste convulsioni di solito iniziano tra i 2 e i 12 anni. Le convulsioni in assenza sono molto brevi: il bambino interromperà improvvisamente quello che sta facendo e guarderà in bianco, come se stesse sognando ad occhi aperti. Proprio come improvvisamente si fermano e continuano con l’attività precedente. Le convulsioni in assenza possono verificarsi numerose volte al giorno. Di solito sono ben controllati con i farmaci e si fermano con la pubertà

Epilessia da assenza giovanile (JAE) – queste convulsioni di solito iniziano tra gli 8 e i 20 anni. Le convulsioni sono come le convulsioni infantili, ma possono essere più lunghe e possono includere movimenti come svolazzare le palpebre o masticare. Si verificano meno spesso delle convulsioni da epilessia da assenza infantile. Fino all’80% dei bambini con questo tipo di epilessia avrà anche convulsioni tonico-cloniche. Le convulsioni possono essere ben controllate con i farmaci, ma la sindrome è considerata permanente

Altre:

Epilessia rolandica benigna/epilessia benigna con picchi centrotemporali (BECTS) – l’età di insorgenza è di solito da 1 a 14 anni. Le convulsioni sono spesso focali e includono contrazioni, intorpidimento o formicolio del viso o della lingua del bambino e possono interferire con il linguaggio e causare sbavature. A volte possono progredire in un attacco tonico-clonico. Le convulsioni di solito avvengono nelle prime fasi del sonno. I farmaci non sono sempre necessari. Questo tipo di epilessia si risolve di circa 15 anni.

Epilessia mioclonica giovanile (JME) – questa sindrome può essere diagnosticata ovunque tra gli 8 e i 25 anni e tende a funzionare in famiglia. In genere inizia con convulsioni miocloniche che si verificano subito dopo il risveglio al mattino o da un pisolino. Sono improvvisi scatti muscolari singoli di entrambe le braccia. A volte questi movimenti non sono ovvi e fanno sembrare la persona goffa o incline a far cadere le cose. Possono verificarsi anche convulsioni tonico-cloniche, e questo di solito porta alla diagnosi. Le convulsioni possono essere ben controllate con i farmaci e i cambiamenti dello stile di vita.

Epilessia del lobo temporale (TLE) – questo tipo di epilessia può iniziare a qualsiasi età. Implica convulsioni ad esordio focale con o senza compromissione della consapevolezza. Le convulsioni sono spesso insolite e comportano confusione e comportamenti o emozioni cambiati. A volte le convulsioni possono progredire verso convulsioni tonico-cloniche.

Epilessia del lobo frontale (FLE) – questo tipo di epilessia focale può iniziare a qualsiasi età. Implica convulsioni ad esordio focale con o senza compromissione della consapevolezza. Le convulsioni sono spesso insolite e possono includere vigorose attività motorie (fisiche) o emozioni. La FLE può essere confusa con comportamenti, disturbi psichiatrici o disturbi del sonno come parasonnie o terrori notturni, e il bambino potrebbe aver bisogno di un monitoraggio prolungato per fare una diagnosi.

Sindrome:

Sindrome occidentale o spasmi infantili: l’insorgenza di questa sindrome è tipicamente osservata durante il primo anno di vita. Gli spasmi molto brevi (convulsioni chiamate spasmi infantili) fanno sì che il bambino si irrigidimenti improvvisamente. Spesso le braccia vengono gettate fuori mentre le ginocchia vengono tirate su e il corpo si piega in avanti (“convulsioni del coltello da caccia”). Il bambino piangerà. Gli spasmi di solito si verificano in gruppi. A volte vengono scambiati per coliche, ma i crampi delle coliche non si verificano a grappoli. La maggior parte dei bambini sviluppa altri tipi di convulsioni nella tarda infanzia, tra cui una sindrome da epilessia chiamata sindrome di Lennox-Gastaut. Di solito si vede la disabilità intellettiva.

Sindrome di Lennox-Gastaut (LGS) – questa sindrome ha l’insorgenza di convulsioni dall’età di 3 a 5 anni. Può includere più tipi di convulsioni e le convulsioni sono resistenti ai farmaci. La disabilità intellettiva è osservata fino al 90% delle persone con questa sindrome.

 

Pubblicato da Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato. Info paolotescione5@gmail.com