Aidi

L’Aidi è un cane da guardia del bestiame che è stato utilizzato anche per la caccia, poiché ha un buon naso per tracciare gli odori. È stato anche chiamato il cane berbero dalle tribù nomadi berbere del Nord Africa (Marocco, Algeria e Tunisia).

Il cane Aidi era originariamente utilizzato come protezione, per proteggere il suo proprietario e il bestiame da predatori e estranei. Ciò ha portato a una razza che è innatamente vigile, vigile, diffidente nei confronti degli estranei e ferocemente protettiva, come la maggior parte delle razze di cani da guardia del bestiame.

Temperamento

L’Aidi si lega molto alla sua “famiglia” e va d’accordo con i bambini, divertendosi a giocare in cortile. Sono affettuosi e godono della compagnia umana, ma non sono “appiccicosi” e non hanno bisogno di attenzioni costanti. Sono abituati a essere lasciati soli a fare la guardia per ore.

Tuttavia, sono cani energici e hanno bisogno di una discreta quantità di esercizio ogni giorno. Questa è una razza da lavoro e hanno bisogno di qualcosa da fare per rimanere felici. Se lasciati soli per troppo tempo senza esercizio o contatto umano, diventeranno annoiati e distruttivi.

L’Aidi è distaccato e diffidente nei confronti di estranei e animali che non conosce. Questa non è una razza aggressiva, ma risponderà molto rapidamente all’aggressione di un altro animale. Sono molto territoriali e difenderanno la loro “casa” dalle minacce percepite.

Storia della razza

Possiamo far risalire le origini della razza del cane Aidi alle montagne dell’Atlante del Marocco, dove le tribù nomadi berbere li usavano per custodire e proteggere le loro pecore e capre così come se stessi, soprattutto di notte.

In quel momento, quando la tribù allestiva un campo, prendeva dal branco i cani più attenti e aggressivi e li sistemava a intervalli intorno al campo per fare la guardia. Questi cani erano abbastanza grandi e forti da scoraggiare quasi tutti gli intrusi, animali o umani. Possono tollerare molto bene gli estremi di caldo e freddo.

Nell’VIII secolo, quando gli eserciti di Maometto invasero l’odierna Spagna, anche i Berberi andarono portando con sé i loro cani Aidi. Si pensa che l’Aidi sia uno degli antenati dei Grandi Pirenei (cane da montagna dei Pirenei) di quel tempo.

Negli anni da allora, il cane Aidi è diventato gradualmente più popolare come cane di famiglia e cane da compagnia in casa. Erano ancora utilizzati per la protezione del bestiame e anche per la caccia, sfruttando l’ottimo senso dell’olfatto dell’Aidi.

Sono più comuni nelle loro terre d’origine – Marocco, Algeria e Tunisia – e sono piuttosto rari in altri paesi. Potrebbe essere necessario cercare un po ‘per trovare un allevatore rispettabile se sei interessato ad accogliere un cane Aidi nella tua casa.

L’Aidi ha bisogno come minimo di un grande cortile. Probabilmente sono più adatti a vivere in campagna o in fattoria. Non sono adatti per la vita in appartamento o in città: non si adattano bene agli spazi ristretti. Ricorda, questa razza è stata sviluppata in ambienti desertici e montani spalancati.

Non è tanto lo spazio disponibile per correre e bruciare energia; ha più a che fare con il bisogno di spazio del cane intorno ad esso. È stato allevato per rilevare potenziali minacce e intrusi a distanza e la razza ha bisogno di sentire di avere spazio per pattugliare.

Inoltre, questa razza potrebbe avere problemi se ci sono altri animali in casa, in particolare quelli di piccola taglia. Potrebbe andare d’accordo con un altro cane se viene socializzato fin dalla tenera età, ma probabilmente non potresti introdurre un nuovo cane nella casa dell’Aidi una volta che ha più di 12 mesi, per esempio. Sentirà il bisogno di difendere il suo territorio.

Statistiche vitali;

Altezza; Da 20 a 25 pollici al garrese.

Il peso; Da 50 libbre a 60 libbre

Durata; Da 10 a 12 anni

Aidi

Addestramento

Questa non è una razza per i proprietari di cani per la prima volta. L’Aidi ha bisogno di un proprietario che abbia una precedente esperienza nella proprietà di cani, preferibilmente una razza di cani da guardia del bestiame. A causa del loro allevamento come cani da guardia e protettori, pensano e reagiscono in modo molto diverso, ad esempio, a un Labrador Retriever o anche ad altri cani da caccia come l’Irish Wolfhound.

In primo luogo, al fine di ridurre il sospetto e la sfiducia dell’Aidi nei confronti di persone e animali estranei, è estremamente importante socializzare il cane da cucciolo. Questo lo abituerà a trovarsi in un ambiente sconosciuto e ad incontrare persone e animali sconosciuti in una situazione sicura.

Secondo, devi iniziare presto le lezioni di obbedienza. Consiglio di frequentare le lezioni con altri cani, per favorire la socializzazione, ma penso anche che valga la pena fare sessioni 1 contro 1 con un addestratore cinofilo professionista, almeno per le basi; Il professionista insegnerà al cane alcune nozioni di base essenziali, ma soprattutto ti mostrerà come addestrare il cane.

Salute

L’Aidi è una razza tosta e robusta, e di solito non soffre di problemi genetici. Le poche condizioni che possono verificarsi ad un certo punto includono;

Displasia dell’anca
Lussazione rotulea

Protezione

La razza di cani Aidi ti darà tutta la protezione di cui probabilmente avrai bisogno. In primo luogo, è un cane da guardia estremamente buono . Con la sua eredità di vegliare su greggi di pecore, capre e proprietari umani, è costantemente vigile e vigile. Il minimo suono o movimento sconosciuto nelle vicinanze farà indagare e abbaiare l’Aidi.

In secondo luogo, questa è una razza che sa come affrontare gli intrusi se necessario. Cercheranno di dissuadere l’intruso prima con abbaiare e atteggiamenti. E a 27 cm alla spalla e con un peso fino a 60 kg, questo cane ha la presenza fisica per scoraggiare tutti tranne i più acuti. Sebbene non sia grande né aggressivo come un pastore del Caucaso, l’Aidi ha l’atteggiamento necessario per provare un ospite indesiderato.

Quindi, un ottimo cane da guardia E un buon cane da guardia = protezione sufficiente per la maggior parte delle persone.

L’Aidi è una razza di cane intelligente, e sono in grado di imparare rapidamente, con il giusto approccio. Hanno bisogno di un atteggiamento positivo e coerente. L’allenamento pesante non funzionerà.

Pubblicato da Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato. Info paolotescione5@gmail.com